Posa parquet laminato

Come procedere - posa parquet laminato

Il laminato è un finto parquet in quanto non è realizzato né con listelli in legno massello né con listelli in legno stratificati anche se si avvicina al suo parente più nobile come resa estetica. È formato da uno strato di legno non pregiato MDF, ovvero fibre di legno sulla cui superficie è applicata una materia plastica stampata ad altissima risoluzione che raffigura l’essenza e le venature del legno riproducendo la sensazione visiva e tattile tipica del legno. La posa del parquet laminato può essere fatta sia sulla soletta in cemento che su una superficie già pavimentata purché entrambe regolari, solide e perfettamente asciutte.Gli elementi di laminato sono fissati tra loro con soluzioni di incastro a click La tecnica di posa è quella flottante ( non viene incollato ed è quindi lasciato libero di muoversi ).È consigliato ricoprire la base da rivestire con un tappetino di poliuretano fonoassorbente, solitamente dello spessore di 3mm, che riesce a sopperire alle possibili irregolarità della pavimentazione ed attenua il rumore provocato dal calpestio garantendo inoltre isolamento termico e protezione dall’umidità. Una delle peculiarità del finto parquet è la dilatazione non trascurabile in senso longitudinale che lo porta ad urtare contro le pareti per poi tornare nella posizione originale. Questo è dovuto al fatto che il parquet laminato risente particolarmente degli sbalzi di temperatura e di umidità Questa caratteristica richiede nelle operazioni di posa una particolare attenzione nell'utilizzare appositi spessori così da allontanare le doghe di laminato dalle pareti di circa 12-15 mm consentendo la naturale dilatazione del prodotto. Le fughe saranno poi coperte dal battiscopa (incollato alla parete).
Servono un seghetto oppure una sega circolare, un martello, una livella a bolla d’aria.
In fase di acquisto del prodotto considerate il 10% in più per l”eventuale sfrido ed eventuali ricambi da utilizzare in futuro.

Prima fase - posa parquet

Lasciate riposare in posizione orizzontale il parquet per 48 ore nel luogo dove verrà montato per dargli modo di ”abituarsi” alle condizioni climatiche e stabilizzarsi. Il pavimento ( fondo) deve essere regolare, assia non presentare dislivelli superiori a 3mm ( controllate le istruzioni del prodotto), quindi munitevi di regolo o filo a piombo e correggete gli eventuali dislivelli con stucco o pasta livellante. Pulite e aspirate il fondo con cura, accertatevi inoltre che non ci siano segni di umidità che potrebbe dannegiare al vostro laminato. Stendete il tappetino poliuretanico su tutta la superfice senza sovrapporlo così da provocare spoessore e utilizzate dello scotch in modo che non si muova.

posa parquet laminato

Seconda fase

Facendo riferimento alle istruzioni contenute nella confezione del prodotto da Voi scelto, posizionare la prima fila di doghe con l’incastro femmina rivolto verso la parete. Ricordatevi di distanziare i listoni di laminato di un centimetro dai muri perimetrali della stanza usando i distanziatori di cui abbiamo parlato in precedenza. Procedere incastrando le doghe intere in prossimità della parete avendo l’accortezza di non lasciare fughe tra l’una e l’altra. Iniziare la fila successiva con il pezzo di doga avanzato dal precedente taglio finale, tenendo presente che questo non deve essere di lunghezza inferiore a 40 cm. Per un motivo estetico che per assicurare una perfetta tenuta nel tempo fate attenzione che gli incastri tra una fila e quella successiva siano sempre sfalsati fra loro.

Terza fase

Per effettuare il taglio delle varie doghe appoggiatele su quelle già posizionate precedentemente, tenendo in considerazione lo spessore dell’incastro e con una matita ed una squadra segnate la misura. Per poter incastrare le doghe fra loro seguendo sempre le istruzioni allegate alle varie confezioni di listoni servendovi dell’aiuto di un battitore orizzontale. Affinché l’operazione risulti più semplice, posare il pavimento in modo che sia sempre la femmina ad appoggiarsi sul maschio, sia sul lato lungo che sul lato corto della doga. Evitate lunghezze di posa superiori ai 6-7 metri consecutivi in quanto la distanza di dilatazione dalla parete (1 cm.) potrebbe risultare insufficiente. In questo caso è necessario inserire un giunto di dilatazione (che potete richiedere al vostro fornitore ) onde evitare il sollevamento del pavimento. Terminata la posa di ogni fila ricordatevi di controllare che non vi siano fughe tra una doga e l’altra, evitando così di dover rifare il lavoro e controllate di aver mantenuto lo spazio di dilatazione tra i listoni e le pareti necessario per il naturale movimento del laminato.



Quarta fase

Ricoprite tutto il pavimento seguendo i nostri consigli. L’ultima fila di doghe dovrà essere tagliata in lunghezza. Utilizzate un pezzzo di scarto per verificare la misura che avete preso onde evitare sprechi di materiale e procedete al taglio ricordandovi sempre di lasciare circa 1 cm dalla parete. Gli ultimi listelli della fila dovranno esere incastrati utilizzando un piede di posco o palanchino. Rimuovete gli spessori incastrsati tra le doghe e le pareti. Applicate il battiscopa utilizzando appositi chiodini o colla. Gli stipiti delle porte andranno smontati e accorciati dello spessore in altezza delle doghe sommato a quello del tappetino puliuretanico, in alternativa potete posare il parquet tagliandolo tutto attorno ed utilizzare del silicone acrilico come finitura. Se optate per il taglio dei profili delle porte utilizzate una lama molto fine e del nastro adesivo di carta per ricoprirli onde evitare di rovinare il materiale.



( Fine - Torna alla pagina iniziale )

Attenzione! In ogni caso chi gestisce questo sito non risponde di danni che dovessero causarsi a persone o cose a seguito di quanto descritto sulle pagine del sito stesso